Chi siamo

   

 🇬🇧

 

The magical encounter between Anna and Carlo, very young Romans, is their magical encounter with fashion.

 

Love, vocation, inspiration and desire to grow

 

Sensing both the opportunities of the 'drinking Milan of the Eighties', they moved from Rome not without regrets, leaving behind the period of the mythical 'Seventies', flower children, elephant-foot jeans, miniskirts ... they went to meet the period that cleared the Studio 54 in New York, disco music, elegant clothes made with artificial materials like the 'wrap dress' in jersey designed, as early as 1974, by Diane von Fürstenberg, to be worn either by day in the office, both in nightclubs.
Here are the 80s, the show off and the obsession with signing, the cult of success and efficiency.

In this period Italian fashion became definitely international, reducing the importance of French haute couture: Milan tore the palm of fashion capital in Florence, Venice and Rome.

Giorgio Armani, Ottavio Missoni, Gianfranco Ferrè, Gianni Versace, Dolce & Gabbana, Miuccia Prada and Krizia became famous Made in Italy designers. The success of D&G was due to the pop star Madonna, enthusiastic about the chic and unkempt erotic clothes, with black stockings and underwear to be seen.
The ideal of feminine beauty was inspired by the sporty and slim, muscular and ambitious woman, successful both in private and public, thanks also to the fact that she is always adequately dressed. Madonna herself personified this creed, according to which it was possible to shape one's body through aerobics, bodybuilding, diets and beauty care: the model of the manager woman, no longer feminine and fragile, but hard and ruthless at work.

At the same time, the Yuppie phenomenon was born in the United States of America, a young actress's acronym for Young Urban Professional. Rampant and ambitious, the yuppie often worked on the Stock market, had few scruples and wanted to get rich quickly. He frequented chic and expensive restaurants, sniffed cocaine and dressed Italian, especially Armani and Versace.
Important personal relationships with the Italian designers of these periods, a burning desire and many international experiences have gradually fueled the passion of Anna and Carlo for Fashion.
Anna, in the wake of her previous passion for architecture and fashion design, and Carlo, from a very young age in Rome in the world of art and commerce, nephew of Vincenzo Scotti, former minister of eight governments, founded twenty years ago, Modamica, the meeting place of their Friends. Their activities have been combined with the needs of a world that is always in continuous transformation, allowing the realization of many dreams, they and their Friends.

Strengthened by this past, Anna and Carlo are increasingly aware of being able to draw on the experiences gained in the world of fashion, on the subtle relationship between past and future, between tradition and innovation, with the great obligation to keep the flag of Fashion 'Made in Italy.

As designers do, with a passion and creativity that amaze and excite a growing and attentive audience to the language of Fashion, Anna and Carlo search and propose to their many Friends the best stylistic choices, the best collections, the most significant trends.
In a work where nothing is taken for granted, where there is always a need for revisions and updates, from Modamica, with Anna and Carlo, with Enrica and Simone (the new generation), the spark of desire always springs. Fashion to amaze, excite, surprise. To explore different cultures and styles.
As Kahili Gibran wrote, "the appearance of things varies according to the emotions and so we see magic and beauty in them, but, in reality, magic and beauty are in us".

The messages of fashion designers, what we love about Fashion, that dream and that desire for change, the emotions and passions that today none of us can do without, become within reach for everyone. In fact, Fashion is so for those who feel it: it excites, enchants and disappoints as it does a great love.
Fashion has transformed, the world has become smaller, there is a desire for sharing, innovation, personalization, social openness for playful and relaxing experiences.
Modamica, thanks to its constant commitment, research and continuous study, manages to interpret these trends very well, proposing itself, among other things, alongside the main Fashion Brands, as a partner of numerous important international operators.
Modamica is also the Fashion of the future, the one we are all looking for and that the modern "fashion designers", which are the evolution of the designer's figure, are already offering us in their collections. Without excesses but rather with many simplifications: choices aimed at personalization, ease, linearity and the conscious use of materials and fabrics.
Modamica always surprises with sophisticated and accurate models that combine aesthetics and functionality. With gradual approaches, with a maniacal attention to prices, the needs of people are valued, giving value to the idea of being in tune with the everyday, keeping pace with the news and orientations of the most important "fashion designers", such as: Roberto Cavalli, Gianni Versace, Alberto Guardiani, Inès de la Fressange, Roccobarocco, Elena Mirò, Via delle Perle, Frankie Morello, John Galliano, Karl Lagerfeld, Cesare Paciotti, Ermanno Scervino, Ljudmila Radčenko, Casadei, Maurizio Miri, Salco, Fabiana Filippi, Lorena Antoniazzi, Christies, Pianura Studio, Gianfranco Ferrè, Missoni, Trussardi, Angelo Marani…

Trends, novelties, ideas, to favor balanced and concrete choices in the name of quality, comfort and everyday chic, in an environment where everything is immediately very familiar, captivating and seductive...

 

 

The best emotions for the magical encounter with fashion.

 

 🇮🇹

 

Il magico incontro tra Anna e Carlo, giovanissimi romani, è lo stesso loro magico incontro con la Moda.

 

Amore, vocazione, estro e voglia di crescere

 

 

Intuendo entrambi le opportunità della ‘Milano da bere degli Anni Ottanta’, si sono trasferiti da Roma non senza rimpianti, lasciandosi alle spalle il periodo dei mitici ‘Anni Settanta’, dei figli dei fiori, i jeans a zampa di elefante, le minigonne ... andavano incontro al periodo che ha sdoganato lo Studio 54 di New York, la disco music, i vestiti eleganti realizzati con materiali artificiali come il “wrap dress” in jersey disegnato, già nel 1974, da Diane Von Fustenberg, da indossare sia di giorno in ufficio, sia nei locali notturni.

Ecco gli '80, lo show off e l'ossessione della firma, il culto del successo e dell’efficienza.
In questo periodo la moda italiana diventò definitivamente internazionale, riducendo l'importanza della ‘haute couture’ francese: Milano strappò la palma di capitale della moda a Firenze, Venezia, e Roma.

Giorgio Armani, Ottavio Missoni, Gianfranco Ferrè, Gianni versace, Dolce & Gabbana, Miuccia Prada e Krizia diventarono famosi stilisti del Made in Italy. Il successo di D&G fu dovuto alla pop star Madonna, entusiasta degli abiti dall'erotismo chic e trasandato, con calze nere e biancheria intima da portare in vista.

L'ideale di bellezza femminile s’ispirò alla donna sportiva e snella, muscolosa e ambiziosa, di successo sia nel privato sia nel pubblico, grazie anche al fatto di essere sempre vestita adeguatamente. Proprio Madonna impersonò questo credo, secondo cui era possibile modellare il proprio corpo attraverso l'aerobica, il culturismo, le diete e le cure di bellezza: il modello della donna manager, non più femminile e fragile, ma dura e spietata sul lavoro.
In contemporanea nacque negli Stati Uniti d'America il fenomeno Yuppie, acronimo vezzeggiativo di Young Urban Professional. Rampante e ambizioso, lo yuppie lavorava spesso in Borsa, aveva pochi scrupoli e voleva arricchirsi velocemente. Frequentava ambienti chic e ristoranti costosi, sniffava cocaina e vestiva italiano, in special modo Armani e Versace.
Importanti relazioni personali con gli stilisti italiani di questi periodi, un desiderio bruciante e molte esperienze internazionali hanno via via alimentato la passione di Anna e Carlo per il Fashion.
Anna, nella scia della sua precedente passione per l’architettura e per il fashion design e Carlo, fin da giovanissimo a Roma nel mondo dell’arte e del commercio, nipote di Vincenzo Scotti, già ministro di otto Governi, hanno fondato, quindici anni fa, Modamica, il ritrovo dei loro Amici. Le loro attività si sono affiancate alle esigenze di un mondo sempre in continua trasformazione, permettendo la realizzazione di molti sogni, loro e dei loro Amici.

Forti di questo trascorso, Anna e Carlo sono sempre più consapevoli di poter attingere alle esperienze maturate nel mondo della moda, al sottile rapporto tra passato e futuro, fra tradizione e innovazione, con il grande obbligo di tenere alta la bandiera della Moda ‘Made in Italy’.

Come fanno i designers, che con passione e creatività stupiscono ed emozionano un pubblico sempre crescente e attento al linguaggio della Moda, Anna e Carlo ricercano e propongono ai loro numerosi Amici, le migliori scelte stilistiche, le migliori collezioni, le tendenze più significative.
In un lavoro dove nulla è scontato, dove c’è sempre bisogno di revisioni e di aggiornamenti, da Modamica, con Anna e Carlo, con Enrica e Simone (la nuova generazione), scocca sempre la scintilla del desiderio. La Moda per stupire, emozionare, sorprendere. Per esplorare diverse culture e stili.

Come scriveva Kahili Gibran, “l’aspetto delle cose varia secondo le emozioni e così noi vediamo magia e bellezza in loro, ma, in realtà, magia e bellezza sono in noi”.
I messaggi dei fashion designer, quello che della Moda amiamo, quel sogno e quel desiderio di cambiamento, le emozioni e le passioni di cui oggi nessuno di noi può fare a meno, diventano a portata di mano per tutti. In effetti, la Moda è così per chi la sente: emoziona, incanta e delude così come fa un grande amore.

La Moda si è trasformata, il mondo è diventato più piccolo, c’è desiderio di condivisione, innovazione, personalizzazione, apertura social per esperienze giocose e rilassanti.
Modamica, grazie al costante impegno, alla ricerca e allo studio continuo riesce a interpretare molto bene queste tendenze, proponendosi tra l’altro, al fianco dei principali Brands della moda, quale partner di numerosi importanti operatori internazionali.

Modamica è anche la Moda del futuro, quella che tutti cerchiamo e che i moderni ‘fashion designers’, che sono l’evoluzione della figura dello stilista, ci stanno già offrendo nelle loro collezioni. Senza eccessi ma anzi con molte semplificazioni: scelte mirate alla personalizzazione, alla disinvoltura, alla linearità e all’uso consapevole dei materiali e dei tessuti.
Modamica sorprende sempre con modelli sofisticati e accurati che uniscono estetica e funzionalità. Con approcci graduali, con una maniacale attenzione ai prezzi, sono valorizzate le necessità delle persone, dando valore all’idea di essere in sintonia con il quotidiano, tenendo il passo delle novità e degli orientamenti dei più importanti ‘fashion designers’, quali:
Roberto Cavalli, Gianni Versace, Alberto Guardiani, Inès de la Fressange, Roccobarocco, Elena Mirò, Via delle Perle, Frankie Morello, John Galliano, Karl Lagerfeld, Luciano Padovan, Ermanno Scervino, Ljudmila Radčenko, Casadei, Maurizio Miri, Salco, Inuk, Christies, Who*s Who, Pianura Studio, Gianfranco Ferrè, Missoni, Trussardi, Angelo Marani...

Tendenze, novità, idee, per privilegiare scelte equilibrate e concrete all’insegna della qualità, del comfort e dello chic quotidiano, in un ambiente dove tutto è subito molto familiare, accattivante e seducente...

 

Le migliori emozioni per il magico incontro con la Moda.

Russian
Russian